Associazione Industriali della Provincia di Vicenza - Notizia internet n. VI27140 del 01/08/2018

Cerca nel nostro sito




Home > Notiziario

Notiziario

Cod. notizia:VI27140


01/08/2018

POR 2014-2020 AZIONE 3.3.1 “Bando per il sostegno a progetti di investimento per il riposizionamento competitivo dei Distretti Industriali, delle Reti Innovative Regionali e delle Aggregazioni di Imprese”

Dal 20/12/2017 e fino all’8/2/2018 è possibile presentare le domande per investimenti in attivi materiali ed immateriali secondo il modello “Industria 4.0”, da parte di imprese singole purchè appartenenti a  distretti industriali/reti innovative regionali, oppure in aggregazione.

Procedura di tipo valutativo.
Dotazione: 11.500.000 €.

Approfondimenti

Soggetti ammissibili

Possono presentare domanda di sostegno le PMI (esclusi i settori pesca e acquacoltura; produzione primaria, trasformazione e commercializzazione prodotti agricoli) in forma:

singola, solo se appartenenti a:
  • distretti industriali: aziende che svolgono una tra le attività economiche di cui alla codifica ATECO riferita agli ambiti settoriali del distretto industriale,
  • reti innovative regionali: aziende che ne fanno parte, che risultano registrate nel Catalogo regionale della ricerca (Innoveneto.org) alla conclusione del periodo per la presentazione delle domande di sostegno, e che

oppure in aggregazione: minimo 3 imprese oltre a liberi professionisti, riunite in contratti di rete con soggettività giuridica o reti/contratto, consorzi, A.T.I. (appositamente costituite per la realizzazione del progetto), e che hanno in Veneto un’unità locale attiva nella quale svolgere l’investimento.

Altri requisiti obbligatori:
  • l’unità locale dove svolgere l’investimento dev’essere localizzata in Veneto (o, per le aziende aderenti a un distretto, in uno dei comuni prescritti), e dev’essere attivata almeno entro la data della domanda di pagamento del saldo;
  • l’azienda deve presentare una situazione di regolarità contributiva, previdenziale e assistenziale;
  • non essere impresa in difficoltà (art.2, punto 18, del Regolamento (UE) n. 651/2014);
  • non essere in stato di liquidazione o fallimento e non essere sottoposte a procedure di concordato preventivo (ad eccezione del concordato preventivo con continuità aziendale).

Una stessa impresa può partecipare a un solo progetto.


Interventi ammissibili

Investimenti in attivi materiali e immateriali per installare un nuovo stabilimento, ampliare uno stabilimento esistente, diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente. In particolare per le aggregazioni di imprese gli investimenti dovranno mirare a un’effettiva integrazione della filiera.

Tutti gli investimenti devono essere finalizzati a:
  • «innovazione di processo»: l’applicazione di un metodo di produzione o di distribuzione nuovo o sensibilmente migliorato (inclusi cambiamenti significativi nelle tecniche, nelle attrezzature o nel software);
  • «innovazione dell’organizzazione»: l’applicazione di nuovi metodi organizzativi nelle pratiche commerciali, nell’organizzazione del luogo di lavoro o nelle relazioni esterne dell’impresa..
Inoltre devono essere attuati secondo il modello  Industria 4.0 (Si veda in particolare il Piano Nazionale Industria 4.0 consultabile a questo indirizzo) ed essere coerenti con la RIS3 Veneto con orientamento verso le traiettorie di sviluppo dei quattro ambiti di specializzazione: Smart Agrifood, Sustainable Living, Smart Manufacturing e Creative Industries ed i drivers dell’innovazione.


Spese ammissibili
  1. Investimenti in attivi materiali (Appendice 1-A al bando): costo di acquisto o  canoni di locazione finanziaria (leasing)
  2. Investimenti in attivi immateriali (Appendice 1-B al bando): connessi ai precedenti oppure riferiti a beni materiali che godono  dell’iperammortamento con maggiorazione al 150%: costo di acquisto di software, sistemi, piattaforme e applicazioni.
  3. Spese per garanzie: relative alla fideiussione necessaria per l’ottenimento dell’anticipo.

Le spese dovranno essere sostenute dall’avvio del progetto e non oltre il 1° marzo 2019.


Forma, soglie ed intensità del sostegno

Contributo in conto capitale, con un minimo €10.000 e un massimo di € 200.000:
  • per le micro e piccole imprese: 20% dei costi;
  • per le medie imprese: 10% oppure 20% se sceglie il Regolamento UE n. 1407/2013 «de minimis».

Il sostegno è concesso ai sensi del Regolamento (UE) n. 651/2014 e, per la media impresa, anche in regime «de minimis».


Cumulo 

Le agevolazioni sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche sugli stessi costi ammissibili, nei limiti previsti da ciascun Regolamento (UE) applicato di cui al precedente articolo 7.


Presentazione della domanda

La domanda di sostegno deve essere compilata e presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato per la Programmazione Unitaria (SIU) della Regione, la cui  pagina dedicata è raggiungibile a questo link.
Dalla medesima pagina è sempre possibile procedere al modulo di accreditamento per la richiesta delle  credenziali d’accesso al Sistema.
La  domanda potrà essere presentata (firmata digitalmente e completa degli allegati e dei documenti previsti dal bando) dalle ore 15.00 del 20 dicembre 2017 fino alle 17.00 dell’8 febbraio 2018.


Valutazione delle domande

Di tipo valutativo a graduatoria, secondo i criteri indicati all’art. 10 e 11 del Bando.


Rendicontazione

In due tranche:
  • Possibilità di richiedere un anticipo del 40%
  • 1° periodo compreso tra la data di avvio del progetto e il 20 agosto 2018: rendicontazione obbligatoria (se non si è richiesto l’anticipo) di almeno il 20% della spesa ammessa.
  • 2° periodo compreso tra il 21 agosto 2018 e il 1° marzo 2019, data entro la quale dovranno essere concluse le attività del progetto (che potranno essere pagate entro i 30 giorni successivi).

In caso di spese effettuate inferiori a quelle ammesse sono previste riduzioni del contributo fino all’eventuale revoca, come specificato all’art.13 comma 4, 5, 6.

Dettaglio bando Regione del Veneto



- Az.3.3.1 - Allegato_A_Bando.doc
- Az.3.3.1 - Allegato_B_Modello_progetto.doc

© Confindustria Vicenza - 2018



Altre notizie sull'argomento

Per maggiori informazioni rivolgersi:
Area Credito e Finanza
Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza
tel. 0444 232500 - fax 0444 526155
email: finanza@confindustria.vicenza.it