Associazione Industriali della Provincia di Vicenza - Notizia internet n. VI27159 del 01/12/2018

Cerca nel nostro sito




Home > Notiziario

Notiziario

Cod. notizia:VI27159


01/12/2018

Algeria: nuove disposizioni restrittive all'importazione

Il Ministero del Commercio algerino ha recentemente pubblicato un Comunicato che illustra le nuove regole per l'importazione di prodotti finiti in Algeria a decorrere dal 1° gennaio 2018, che ridefiniscono i regimi fiscali, le limitazioni nonché le procedure previste per l’accesso al mercato algerino di taluni prodotti.

Approfondimenti

E' ora prevista l'applicazione della tassa interna sui consumi (pari al 30%) su alcune categorie di prodotti finiti tra cui salmone, frutta secca, spezie, prodotti dolciari, prodotti di pasticceria, preparati a base di estratti e di essenze, modem e decoder, apparecchi antincendio, apparecchi elettrici d'allarme e micro-computer (All.1). E' inoltre prevista l'applicazione di dazi (tra il 30% e il 60%) su differenti tipologie di prodotti tra cui: semi di girasole, prodotti in plastica, forni da cucina, apparecchi per il filtraggio dell'acqua, bibite, gru ed altri apparecchi da montaggio, apparecchi informatici e di telefonia, trasformatori e cavi elettrici, preparati alimentari e succhi di frutta (All.1).

La sospensione temporanea dell'importazione di numerose categorie di prodotti finiti è certamente la misura che avrà maggiore impatto per l’export verso il mercato algerino. Rientra in tale fattispecie un ampio ventaglio di prodotti agroalimentari - tra cui la pasta, cioccolato ed altri prodotti dolciari, formaggio, frutta e legumi, carni (tranne quella bovina) oltre che beni di consumo - prodotti in plastica, mobili ed altri materiali da costruzione come il marmo, il granito, le ceramiche e prodotti industriali - trattori agricoli, fili e cavi, cemento, elettrodomestici e telefoni (All. 2 – decreto esecutivo 18-02 del 7 gennaio 2018 contenente le liste dei prodotti soggetti alla sospensione). La misura di sospensione, come indicato dal Ministro del Commercio, ha carattere temporaneo e sarà soggetta a valutazioni periodiche che dovrebbero portare ad una progressiva eliminazione sulla base dell'andamento della bilancia commerciale.

Viene modificato l’attuale sistema delle licenze d'importazione: la novità riguarda il fatto che le licenze saranno attribuite attraverso un meccanismo d'asta, che comporterà quindi l’assunzione dei relativi costi. Tale sistema si applicherà anche per l’attribuzione delle licenze per l'importazione delle quote di beni previste dall'Accordo di associazione in regime di esenzione doganale.

Per gli autoveicoli da turismo, trasporto merci e persone verrà stabilito un contingente quantitativo annuale.
Nello stesso Comunicato del Ministero del Commercio sono inoltre precisate alcune nuove procedure previste per le importazioni nel Paese.
In primo luogo, secondo una direttiva della Banca Centrale, le domiciliazioni bancarie per l'importazione di prodotti destinati alla rivendita devono essere formalizzate almeno un mese prima la data di spedizione della merce e devono essere garantite almeno per il 120% del valore dell'operazione. Inoltre, le domande di domiciliazione bancaria dovranno essere accompagnate da: certificati fitosanitari o veterinari rilasciati dal Ministero dell'Agricoltura per l'importazione di banane, grano, orzo, aglio, carni bovine e pesce (ad eccezione delle sardine); autorizzazioni rilasciate in via preventiva dal Ministero del Commercio per l'importazione di prodotti cosmetici, per l'igiene personale e per i prodotti tossici o che presentino rischi particolari; certificato di libera circolazione del prodotto nel paese di origine o di provenienza, rilasciato dalle Autorità competenti del paese esportatore, che attesta che la merce è liberamente commercializzata sul territorio (All. 3 e 4).

Il testo del comunicato, nella sua versione originale è consultabile al seguente link.

Notizia n. VI 27006 - 11 dicembre 2017



Allegato 1All. 1.pdfAll. 1.pdf
DecretiAll. 2.pdfAll. 2.pdf
Direttiva Banca CentraleAll. 3.pdfAll. 3.pdf
Attestation de libre commercialisation dans le pays d'origine et/ou de provenance des produits exportés vers l'AlgérieAll. 4.pdfAll. 4.pdf


© Confindustria Vicenza - 2018



Altre notizie sull'argomento

Per maggiori informazioni rivolgersi:
Area Mercati Esteri
Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza
tel. 0444 232500 - fax 0444 232575
email: estero@confindustria.vicenza.it