Associazione Industriali della Provincia di Vicenza - Notizia internet n. VI27450 del 03/05/2018

Cerca nel nostro sito




Home > Notiziario

Notiziario

Cod. notizia:VI27450


03/05/2018

Credito d'imposta per attività di R&S su software: ultimi chiarimenti dal MISE

Il MISE ha pubblicato una recente circolare direttoriale relativa al credito d'imposta per attività di ricerca e sviluppo per fornire alcuni chiarimenti sull'applicazione di tale disciplina, con specifico riguardo al settore dello sviluppo del software, e per consentire ai soggetti interessati di procedere alla verifica dei requisiti di ammissibilità all'incentivo.

Approfondimenti

Il MISE, con propria Circolare del 9 febbraio 2018 (riportata in allegato), ritorna nuovamente ad occuparsi della disciplina del credito d'imposta per le attività di ricerca e sviluppo, fornendo alcune precisazioni sui criteri di individuazione delle attività ammissibili al beneficio nello specifico settore dello sviluppo del software.

In questa prospettiva, considerando lo stretto collegamento tra le definizioni adottate dalla norma agevolativa e quelle contenute nella Comunicazione della Commissione Europea 2014/C 198/01 del 27 giugno 2014, il documento evidenzia la differenza tra attività di sviluppo ed attività routinarie, fornendo alcuni esempi utili all'individuazione delle attività ammissibili nel settore dello sviluppo del software e di quelle escluse perché considerate come non significative, mutuando a tal fine i principi contenuti nel cosiddetto “Manuale di Frascati", base interpretativa della citata disciplina comunitaria.

Viene altresì ricordato che il beneficio in esame non può essere esteso alle azioni successive a quelle definite ed individuate come pre-competitive e che, pertanto, sarà necessario individuare un momento conclusivo delle attività di R&S potenzialmente agevolabili che, nel caso dello sviluppo del software, possono concretizzarsi nel cosiddetto “Beta Testing”.

La Circolare, da ultimo, evidenzia una volta di più che, attesa la natura automatica dell'incentivo in oggetto, il soggetto beneficiario avrà cura di predisporre e conservare, per i successivi controlli, sia una documentazione attestante l'effettività, la pertinenza e la congruità dei costi, nonché un’ulteriore documentazione appositamente creata utile a dimostrare l’ammissibilità, la novità, le discriminanti tecnico scientifiche, le migliorie e gli steps di avanzamento del progetto perseguito





Circolare Ministero Sviluppo Economico del 9 febbraio 2018Circolare MISE 9 febbraio 2018_software.pdfCircolare MISE 9 febbraio 2018_software.pdf


© Confindustria Vicenza - 2018



Altre notizie sull'argomento

Per maggiori informazioni rivolgersi:
Area Credito e Finanza
Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza
tel. 0444 232500 - fax 0444 526155
email: finanza@confindustria.vicenza.it